• 24
  • 24
  • 24
  • 24

Tecnici

Renato TedeschiRENATO TEDESCHI
Mi chiamo Renato Tedeschi sono nato a Monza nel 1947. Durante la mia infanzia le attività del tempo libero erano scandite da giochi di “cortile” organizzati dai compagni più grandi, che noi piccoli cercavamo di emulare. Molti di questi giochi hanno creato in me, come nei miei compagni, un profondo spirito di sana competizione che avrebbe avuto negli anni positivi risvolti anche in ambito lavorativo. A 17 anni mi sono avvicinato al rugby, che ha rappresentato la mia grande passione per circa 10 anni.
Dal 1964 al 1973 ho giocato nell’A.S. Monza Chiolo  come titolare in 5 campionati di serie C (conquistando il Titolo di campioni d’Italia serie C nel 1967), per 3 anni in serie B e 1 in serie A durante il servizio militare presso il Centro Sportivo Esercito – 2^ Comp. Spec.Atleti di Napoli (1968-69). L’affinità nelle modalità di competizione tra rugby e karate (duro confronto sul campo di gara, fair play e rispetto per l’avversario, rapporto amichevole tra i contendenti nel “terzo tempo) e la necessità di mettere alla prova i miei limiti in uno sport individuale ha fatto sì che nel 1973 mi appassionassi a quell’arte marziale che è diventata la mia professione.
La pratica del Karate è iniziata con lo stile Shotokan, ma è nel 1975 che ho conosciuto il Maestro Hiroji Fukazawa, grazie al quale mi sono avvicinato allo stile Wado Ryu e allo Yoseikan Budo (arte marziale comprendente tecniche di Karate, Judo, Aikido, Lotta, Pugilato e armi tradizionali giapponesi)fino al 1978.
Dal 1978 quando il Maestro si è trasferito in Francia fino al 1979 è stato sostituito dal M° Tabella (allievo di P.Aschieri) praticante gli stessi stili. L’influenza del scuola Francese (allora all’avanguardia nel combattimento) ed il nuovo stile praticato,  mi hanno permesso fin d’allora di insegnare con un metodo che si distingueva notevolmente da quello più classico diffuso in Lombardia.
Grazie poi al rapporto nato con l’attuale direttore tecnico della nazionale, ho avuto la possibilità di partecipare dal 1986 al 1988 al Primo Corso Nazionale Monodisciplinare Federazione-Scuola dello Sport- CONI-  svoltosi a Roma presso il Centro Sportivo Acqua Acetosa e a Formia Centro FIDAL, diventando uno tra i primi 50 Maestri Specializzati formati dalla Federazione in Italia. Sempre con la Federazione nel 1989/90 – ho potuto partecipare al Corso di specializzazione in Avviamento allo Sport nell’età evolutiva (dal quale sono usciti 28 tecnici a livello nazionale di cui solo 3 della Lombardia).
Continuando negli anni a seguire il lavoro e gli aggiornamenti tecnici tenuti dal professor Aschieri, ho sentito la necessità di arricchire il mio bagaglio di conoscenze affiancando alla preparazione fornitami dalla Federazione quella del Coni, così nel 1988 ho frequentato il Corso Provinciale per istruttori C.A.S. (centro di avviamento allo sport) che ha qualificato anche l’associazione. Nel 2003 e 2004 ho seguito formazione per Educatore Sportivo 1°- 2° livello e nel 2008-2009 quella di Dirigente Sportivo 1°-2° livello e Master, specializzandomi nella organizzazione e gestione delle  Società e Associazioni Sportive .
Senza mai abbandonare la mia prima grande passione, ho inoltre completato  il percorso per diventare Allievo Allenatore per il Rugby allo scopo di allargare le conoscenze a diverse metodologie; sempre per lo stesso motivo e grazie all’aiuto di mia moglie (esperta nel settore) ho rivolto il mio  interesse anche alla formazione fitness, frequentando diversi corsi Reebok University di alta qualificazione (data la provenienza USA).

Infine nel 2010 ho concluso la formazione di 1°-2° livello di istruttore di difesa personale per il metodo MLN.

In ambito Istituzionale ho rivestito diverse cariche di vario grado, da consigliere del comitato regionale federale (1990-1992), responsabile regionale federale per lo stile Wado Ryu, consigliere provinciale e regionale Libertas e attualmente consigliere provinciale per il gruppo GK Italia.

Gradi e qualifiche:

1978 1°Dan
1981 2°Dan – Qualifica di Istruttore
1986 3°Dan – Qualifica di Maestro
1991 – 4° Dan
1996 – 5° Dan

 

Serena MarelliSERENA MARELLI
Mi chiamo Serena Marelli, sono nata il 6 Dicembre 1981, pratico karate dal 2003,  il primo incontro con questa disciplina è stato frutto del caso o forse dettato dalla necessità di soddisfare una curiosità di bambina, quello che però è certo è che da subito è stata passione…tanto da ridisegnare gli orizzonti della mia vita.
Per i primi due anni si è trattata di semplice pratica in palestra, che piano piano ha occupato tutto il mio tempo libero. Con la pratica quotidiana e l’allenamento assiduo ho bruciato le tappe raggiungendo il grado di cintura nera nel 2006 ….Mi dicevano, sei portata! … e invece no!  La mia fortuna è stata quella di aver potuto praticare sport dall’infanzia fino alla maturità il che mi ha resa padrona del mio corpo, capace di esprimermi con esso, sicura nello sperimentare nuovi linguaggi motori e serena nell’apprendimento nonostante le difficoltà.
Grazie al M° Tedeschi fin da subito ho potuto apprezzare l’enorme valenza formativa del metodo federale ideato dal Direttore Tecnico della Nazionale Prof. Pierluigi Aschieri, che ha portato l’Italia del karate ai vertici mondiali, e da universitaria quale ero, ho compreso facilmente le ampie e solide basi scientifiche su cui si fonda. Da qui la necessità di rivolgermi alla maggiore istituzione che si occupa di formazione in ambito sportivo/ scientifico, l’Università, per cui dalla facoltà di Scienze Naturali, nel 2006 sono passata a quella di Scienze Motorie e Sport  laureandomi  in corso con il massimo dei voti. La laurea è stata uno strumento per comprendere e rielaborare i contenuti  scientifici riguardanti questo sport ed ha rappresentato  il primo passo verso un lungo percorso formativo. Alla preparazione Universitaria ho presto associato corsi di formazione del Coni per “Educatore Sportivo”, aggiornamenti tecnici Federali in tema di Attività Giovanile ed Alta Specializzazione. Per ampliare il bagaglio delle conoscenze da tecnico nel 2012 ho deciso di seguire la preparazione da ufficiale di gara, per comprendere pienamente i parametri di valutazione che orientano le decisioni arbitrali in una competizione, indirizzando in tal senso la preparazione atletica dei ragazzi.
Dopo aver conseguito negli anni il grado si istruttore di 1° e 2° livello per il metodo MLN, nel 2013 ho iniziato un corso di formazione per diventare Trainer nell’ambito del progetto MLN Self Defence School Project.  Questo progetto  che ha avuto il patrocinio della Federazione, della Scuola dello sport, del Coni, dell’ Associazione Italiana Pedagogisti e degli insegnanti di Educazione Fisica, che si introduce nelle scuola  ben si integra con le motivazioni che mi hanno spinta ad insegnare.
Dal 2010 ad oggi sono stata docente nell’ambito di corsi di formazione per tecnici nel nostro Ente di Promozione di riferimento.
Dal 2011 ad oggi ho collaborato e collaboro tutt’ora con una scuola secondaria di secondo grado di Milano (ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE SCHIAPARELLI -GRAMSCI) e alcune scuole primarie di Meda (SCUOLA PRIMARIA DIAZ e SCUOLA PRIMARIA PARITARIA PARROCCHIALE SAN GIUSEPPE), che avendo compreso il valore formativo ed educativo del karate hanno deciso di introdurlo come attività curricolare o extracurricolare.
Infine dal 2013 ad oggi sono per la FIJLKAM Responsabile Dell’Attività Giovanile Per Le Province Di Milano, Lodi e Monza Brianza.
Perché insegno karate?
Per dare una mano a voi nel processo di crescita dei vostri figli e alla scuola nel  percorso formativo.
LA MIA MISSION: donare una combinazione di conoscenze, abilità e attitudini appropriate al contesto, capacità di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione personale, la cittadinanza attiva, l’ inclusione sociale e l’ occupazione. Quindi EDUCAZIONE, AUTONOMIA DECISIONALE, PRESA DI RESPONSABILITA’, CAPACITA’ DI COLLABORAZIONE, AUTOSTIMA,  INTELLIGENZA MOTORIA, SONO GLI STRUMENTI CHE VOGLIO DARE AI VOSTRI FIGLI CON IL KARATE e se in tutto questo riescono anche a diventare dei grandi atleti, tanto meglio! MA QUELLO CHE VOGLIO, come voi,  è CHE DIVENTINO PRIMA DI TUTTO DELLE GRANDI PERSONE.

 

CASABIANCA DAVIDEDAVIDE CASABIANCA

Sono Davide Casabianca, nato nel 1985 a Giussano.

Come molti bambini ero affascinato dai combattimenti che si vedevano in tv: dai cartoni (sono della generazione delle tartarughe ninja dopo tutto!) ai film,dai fumetti ai giochi con gli amici, tutto lasciava un alone di fascino intorno al mondo delle arti marziali. Con un colpo di puro genio mia madre mi ha iscritto nella palestra di Meda nel settembre del 1994, da quel momento il karate è diventato parte integrante della mia vita. Gran parte del merito di questa mia passione va al M° Tedeschi, ha svolto prima il ruolo di educatore, successivamente è divenuto un punto di riferimento ed ora, nonostante permanga intatto il suo ruolo di insegnante, siamo legati da profonda amicizia.

Ci tengo a precisare che negli anni dell’infanzia e dell’adolescenza ero un atleta assolutamente nella media in quanto a prestazioni, anzi, spesso dovevo faticare molto per raggiungere determinati obiettivi, però, ciò che mi ha sempre contraddistinto, erano l’impegno e la passione che profondevo in ogni allenamento.

La mia passione era tale che, negli anni del liceo, appena terminavo di studiare, correvo in palestra ogni giorno, investendo le mie ore libere aiutando il Maestro con i più piccoli.

Pian piano questo ha modificato il mio approccio verso il karate, sono passato dal voler ricevere al voler dare quello che avevo ricevuto, e se possibile, anche aggiungere qualcosa di mio. Per questo, dopo aver raggiunto il grado di cintura nera 3° Dan ho conseguito la carica di Aspirante Allenatore FIJLKAM, pertanto riconosciuto dal CONI, nel 2010.

Dal 2010 insegno presso questa stessa associazione riuscendo a coniugare i miei impegni sportivi con lo studio, infatti nel 2012 mi sono laureato in Fisica presso l’Università degli Studi di Milano ed ora sto continuando la mia formazione, sempre presso la stessa università, conseguendo una laurea di secondo livello in Geofisica e Fisica Ambientale.

Negli anni dell’agonismo ho lavorato principalmente sul kumite partecipando solo a competizioni di combattimento; un po’ per volermi migliorare, un po’ perché ne avevamo necessità, negli ultimi anni ho approfondito molto la pratica e l’insegnamento del kata. A tale scopo ho seguito numerosi seminari e stage, principalmente col M° Favaron e col campione Italiano Brancaleon, ottenendo così una solida formazione nello stile Shito Ryu, stile molto adatto alle competizioni di kata, che ho così potuto affiancare alle mie competenze sul Wado Ryu.

Il karate è uno sport individuale in gara ma estremamente di gruppo in palestra, il mio obiettivo lavorando coi bambini, è sfruttare il karate, sport meraviglioso e appassionante, come mezzo per farli crescere sani ed abili per quel che riguarda il fisico, forti ed equilibrati nel carattere.

ANNA CRIPPA

ANNA CRIPPA

Anna Crippa e sono nata a Seregno nel 1988.
Dopo aver conseguito la maturità scientifica, ho deciso di buttarmi nel campo dell’alimentazione con l’obiettivo di acquisire conoscenze sull’educazione alimentare e sulla prevenzione delle malattie cronico-degenerative. A marzo 2013 mi sono laureata in
Alimentazione e Nutrizione Umana e a dicembre ho ottenuto l’abilitazione all’esercizio della professione di Biologo.
In questi anni, grazie anche all’esperienza in ambito sanitario, ho avuto la conferma dell’importanza della promozione di un migliore stile di vita e che il fine ultimo è quindi quello di raggiungere un migliore stato di salute e di benessere. Per ottenere tutto questo non basta solo seguire una dieta ma è necessario sostituire vecchie abitudini alimentari con altre migliori e affiancare a una corretta alimentazione uno stile di vita attivo, svolgendo con costanza attività fisica.
Proprio per poter approfondire le conoscenze di nutrizione legate all’ambito sportivo, sto frequentando la Scuola di Nutrizione ed Integrazione nello Sport (Sa.N.I.S.), scuola di formazione specializzata organizzata da SINSeB (Società Italiana di Nutrizione Sport e Benessere).
Occupandomi di educazione e prevenzione, non posso essere una figura distante dalla realtà che promuovo. Cerco di variare la mia alimentazione il più possibile senza privarmi della gioia di concedermi qualche sfizio, dal momento che sperimento ogni giorno sulla mia pelle cosa significhi essere costretti a fare delle rinunce.
Fin dall’infanzia ho praticato con impegno diversi sport ma solo nel 2011, grazie al tecnico Serena, ho scoperto quello che faceva per me: il karate.
Non manca di certo la fatica fisica e mentale di allenarmi insieme a ragazzi con un’elevata preparazione atletica, ma il M° Tedeschi, ed i tecnici Serena e Davide, insieme ai ragazzi stessi mi hanno sempre sostenuto tanto che dal quel primo allenamento non mi perdo mai una lezione, mettendomi sempre alla prova.